U13 Sconfitti a Loiano

Loiano 58 – Grifo 36
Grifo: Turrini 10, Rivola 4, Sola 4, Barnabè 8, Suzzi 6, Calderara 4, Cacciapuoti, Cornacchia, Balducci, Loconsole.

Seconda partita senza Tommaso Carbone, passato in prestito all’ International fino a fine stagione e con alcune assenze importanti Arcangeli, Arcuni e Liverani gli under 13 si arrendono a Loiano, dopo una partita che ha lasciato sia spunti positivi che negativi.

->

U13 Ampia vittoria nel derby

Grifo Imola 57 – International 26
Prima giornata del girone di ritorno per la Grifo U13, che dopo la vittoria con Riolo (positiva per alcuni punti ma deludente per altri) deve confermare il trend positivo, sopratutto per rimanere attaccata al treno buono per i playoff.
La Grifo come spesso succede nelle ultime uscite mescola a grandi giocate offensive piccoli errori individuali difensivi che lasciano sempre un leggero amaro in bocca anche quando come in questo caso il risultato parla chiaro.
La partita è stata in bilico solo per i primi minuti, poi già un primo allungo a fine primo quarto e man mano che passava il tempo il divario aumentava fino al +31 finale.

Prova incolore per la Grifo U13

Grifo Imola 49 – Virtus Medicina 70

Grifo: Suzzi 3, Turrini 3, Arcuni 15, Rivola 2, Calderara 4, Bacchini 2, Carbone 20, Sola, Liverani, Cacciapuoti, Arcangeli, Cornacchia.

La Grifo scende in campo con un atteggiamento sbagliato fin dall’inizio, distratti, con poca convinzione concedendo canestri facili agli ospiti e solo con qualche buona giocata di squadra i padroni di casa riescono a rimanere attaccati alla partita (10-18 a fine primo quarto).
Ad inizio secondo quarto un piccolo accenno di reazione viene subito smorzato dagli ospiti, e all’intervallo il divario si allunga maggiormente (19-35).
Nel terzo quarto scendono in campo i veri Grifoni, dimostrando il perché sono riusciti a mettere in difficoltà anche le squadre più “blasonate” di questo campionato, il terzo quarto finirà 12 a 12 lasciando il divario invariato, ma la Grifo era riuscita ad accorciare fino al -8 per poi pagare il rientro nel finale di Medicina (31-47).
Nell’ultimo quarto c’è spazio per tutti, anche per chi fino a quel momento aveva giocato di meno, le difese si allargano ed il punteggio finale segnerà un deciso +21 per gli ospiti.

Non è sicuramente bello perdere con queste proporzioni, ma può essere un’importante lezione sia nella vita che per partite future, per migliorare bisogna allenarsi, per vincere bisogna avere la convinzione di essere i migliori.
[08:44, 11/1/2019] Matteo Canè: Tabellini: Suzzi 3, Turrini 3, Arcuni 15, Rivola 2, Calderara 4, Bacchini 2, Carbone 20, Sola, Liverani, Cacciapuoti, Arcangeli, Cornacchia.